Alkan – Concerto for solo piano, and Etude Op. 39 n. 1, 2 & 3

Concerto for Piano Solo Comme le vent En rythme molossique Scherzo diabolico
Vincenzo Maltempo
PCL0061

“In un solo anno Vincenzo Maltempo si è affermato come uno dei più importanti interpreti della musica per pianoforte di Charles Valentin Alkan. Il giovane italiano ha tutto: il gusto musicale, la stretta sulle strutture più lunghi, l’arguzia e ironia, le capacità tecniche sovrumane per superare le difficoltà più terribili, ma cosa più importante: l’amore appassionato per questo molto originale, spostando musiche di Alkan , l’Enigma”. Questo 3° (e non ultimo!) album contiene il colossale Concerto per Piano Solo (la sua opera più ambiziosa, un lavoro in grande scala), il misterioso ed eccentrico Comme le Vent, En Rhytme Molossique e il capriccioso Scherzo Diabolique. Le prime due registrazioni di Alkan di Maltempo per Piano Classics hanno ricevuto entrambe 5 stelle sulle riviste Diapason e il Guardian: “… Eccellente … Eccitante, demoniaco… Esaltante, una vera rivelazione …!”

 

Acquistalo su Amazon.it

 

Recensioni

Bryce Morrison

/ GRAMOPHONE

Per Vincenzo Maltempo ci sono pochi dubbi circa la genialità di Alkan. Egli ammette che i suoi lavori, che spaziano dalle forme mastodontiche ed epiche alle miniature, provocano insieme odio e amore, ma prosegue dicendo che considera il Concerto per Pianoforte Solo come uno dei picchi della letteratura pianistica di tutti i tempi.
Nell’ultima serie delle sue registrazioni alkaniane, il suo pianismo brilla di un’espressività più romantica sia di quella di Ronald Smith che di Marc-André Hamelin. I suoi riflessi sono nervosa e rapidi ed egli supera ogni sorta di difficoltà con incredibile facilità e agilità.

Robert Nemecek

/ PIANO NEWS

Dal suo debutto con l'Album monografico di due anni fa dedicato ad Alkan per l'etichetta Piano Classic, il pianista Italiano Vincenzo Maltempo viene considerato uno dei più grossi interpreti contemporanei di questo compositore.

Ed ora col suo terzo cd dedicato ad Alkan il pianista conferma totalmente la sua fama.

Col ''Concerto per piano solo'' Maltempo si propone con una delle più strepitose opere di tutta la letteratura pianistica, e va detto che dalla epica registrazione del 1973 di John Hogdon, nessun altro pianista come Maltempo è riuscito a dominare in maniera così meditata e orchestrale, le enormi difficoltà pianistiche.

Tant'é che la mezz'ora del primo tempo in nessun caso appare troppo lunga.

Nei tre studi op. 39, Maltempo mette la sua tecnica fenomenale al servizio della sua visione poetica in maniera suggestiva.

Luca Chierici

/ Classic Voice

[…] Maltempo va al di là della visione di Alkan come “ipervirtuoso”, chiave di lettura limitativa di alcuni pianisti come Hamelin, ma allo stesso tempo è dotato di mezzi ragguardevoli per addentrarsi nello spirito affascinante di questa musica sottolineandone anche il versante di azzardo tecnico, che sembra qualitativamente complementare a quello del giovane Liszt. […] Maltempo è assolutamente a suo agio in questo universo a se stante e mi sembra rappresentare oggi uno dei pochi interpreti che possieda la combinazione segreta per svelare tutti i tesori di una produzione così coinvolgente e per nulla artificiosa.

Pierre Massé

/ Pianiste – Magazine

[…] Il pianista italiano Vincenzo Maltempo possiede una superba leggerezza di tocco, cui si aggiunge un temperamento lirico che non trascura né la magniloquenza buffa né la precisione degli effetti. Egli sa utilizzare il proprio virtuosismo per farci dimenticare, perfino, qualche capriccio di scrittura; inoltre il pianista stesso pratica l’arte della trascrizione, e questo lo si capisce dalle sue sonorità colorate e orchestrali.

 

Scarica il Booklet

Acquistalo su Amazon.it