Alkan Le Festin D’Esope 3 Morceaux Op. 15 Ouverture Sonatine

​Le Festin D’Esope 3 Morceaux Op. 15 Ouverture Sonatine
Vincenzo Maltempo
Release Date: June 2013
PCL0056​

“Apparentemente, la maggior parte delle uscite per celebrare bicentenario di Alkan quest’anno sono della Piano Classics” (Top Ear). Infatti, con o senza bicentenario, Piano Classics desidera condividere il suo entusiasmo e la passione per Alkan, il trascurato genio del pianoforte. E è soprattutto felice di presentare pianisti in grado di rendere giustizia alle difficoltà colossali di questa musica impressionante, come il giovane virtuoso italiano Vincenzo Maltempo, il cui primo CD Alkan per Piano Classics (PCL0038) ha ricevuto i più alti riconoscimenti della critica internazionale: “Esaltante, una vera rivelazione!”(The Guardian),”Fantasioso, intelligente, assolutamente convincente, 5 Star “(Diapason). In questa nuova registrazione (solo la prima di quest’anno!) Maltempo interpreta il famoso Le Festin d’Esope, i Trois Morceaux dans le genere Patetica, suonati raramente (con l’indimenticabile e agghiacciante Morte, una prefigurazione di Le Gibet di Ravel!), l’Ouverture in grande stile quasi orchestrale, e la Sonatine dalla difficoltà diabolica! Un CD emozionante per tutti gli amanti del pianismo trascendentale!​
 

Acquistalo su Amazon.it

Diapason

Awarded with 5 stars on “The Guardian” and DIAPASON

 

Bertrand Boissard

/ Diapason

[…] Le opere di Alkan richiedono veramente un pianismo trascendentale, un sangue freddo e un freddezza notevoli di fronte a delle caratteristiche e delle sonorità di una stranezza che rimangono ineguagliabili, sia nella sua epoca sia in quelle a venire. Il feroce Festin d’Esope che apre il disco di Vincenzo Maltempo, autore di un testo di presentazione del disco di grande ricchezza, si presenta come una serie di variazioni le une più folli delle altre. L’italiano, dalla bravura e precisione veramente notevoli […] ci regala un’esecuzione focosa pur se sempre ben sostenuta. Egli surclassa Raymond Lewenthal (RCA), la cui esecuzione non è sempre chiara e precisa e il cui suono non è certo gradevole, ma anche quella di Ronald Smith (EMI), piuttosto noiosa e con poche sorprese.
Nei Trois Morceux dans le genre pathétique […] Maltempo mette tutta la sua sensibilità, il suo lirismo, la sua chiarezza della concezione formale, il calore dei suoi timbri al servizio di questo ciclo così inquietante.
Con questo disco appassionato, Maltempo conferma il suo posto nella cerchia ristretta degli interpreti d’elezione di Alkan.

Andrew Clements

/ The Guardian

[...] Vincenzo Maltempo continua il suo superbo lavoro, iniziato con la Grande Sonate e la Sinfonia, con un’altra eccezionale antologia alkaniana [...] che include la straordinariamente impegnativa Sonatine insieme agli ultimi due Studi dell’Op. 39, l’Ouverture e le esuberanti variazioni chiamate così per la leggenda greca di Esopo riguardante il banchetto che egli aveva allestito per il suo padrone. Vincenzo Maltempo li esegue entrambi, come pure la straordinaria Sonatine, con una immensa padronanza e tecnica risoluta, proprio ciò che serve! Ma sono i Trois Morceaux ad essere ancora più notevoli. Maltempo nelle sue note di copertina li descrive come il primo frutto significativo della maturità di Alkan. Sia nel sinistro e vorticoso moto perpetuo “Le Vent”, sia nell’ultima marcia funebre, “Morte”, che usa il tema del Dies Irae come cornice arrivando a feroci climax, Maltempo rende significativo ogni effetto. Elettrizzante e diabolico.

 

Scarica il Booklet

Acquistalo su Amazon.it